Responsabilità

quando arrivai in Italia all’età di 5 anni, mi resi subito conto della differenza sul principio di assumerti la propria responsabilità! venivo da una cultura contadina, nemmeno dalla capitale, che all’epoca si poteva paragonare un po al dopoguerra-Italiano ;oggi molte cose sono cambiate. I miei maestri se non sapevo rispondere...

Leggi Tutto
Notte al Casablanca

Notte al Casablanca

Che bello essere d’ispirazione per#nottealcasablanca 😍😍😍 mi ha scritto @danielagrandi69 l’autrice di questo #libro che mi sto divorando… Adoro il #giallo #noir Qual è lo spazio per una donna giovane e nera nel giallo? E nel nostro mondo sempre più rimpicciolito dai pregiudizi? Nina Mastrantonio, maresciallo, donna e nera nella borghese città di Parma non chiede...

Leggi Tutto

Lo sciacallo

lo sciacallo! ecco come chiamerò il nostro ministro degli Interni(rifiutandomi di chiamarlo per cognome) dal Treccani :Persona che approfitta delle altrui sventure per rubare; in partic., chi, in occasione di cataclismi o eventi bellici, saccheggia case e luoghi abbandonati, deruba cadaveri o persone indifese; anche chi, nei sequestri di persona,...

Leggi Tutto
Motherland ▷ Tezeta Abraham – Intervista per GRIOT Italia

Motherland ▷ Tezeta Abraham – Intervista per GRIOT Italia

JOHANNE AFFRICOT – Probabilmente conoscete Tezeta Abraham per la serie TV "È arrivata la Felicità" [in arrivo la seconda stagione] nei panni di una ragazza romana di borgata molto sfigata in amore; oppure ve la ricordate con il megafono in mano, la scorsa estate, nei giorni dello sgombero di eritrei, etiopi e somali dal palazzo occupato di Piazza Indipendenza…

Leggi Tutto
CORRIERE DELLA SERA – Le 50 donne del 2017 secondo il Corriere

CORRIERE DELLA SERA – Le 50 donne del 2017 secondo il Corriere

KIBRA SEBHAT – Della Abraham si pensano due cose: che sia il volto della denuncia dello sgombero dei rifugiati del Corno d’Africa che a Roma, nell’agosto del 2017, sono stati costretti a lasciare la loro casa di fortuna, occupata, per finire per strada con i loro bambini. Una situazione al limite della legalità, per loro e lo Stato italiano, sì, ma pur sempre una soluzione ordinata che permetteva loro di vivere in una condizione di sicurezza, anche se precaria…

Leggi Tutto
GRAZIA – “La mia vita senza IUS SOLI”

GRAZIA – “La mia vita senza IUS SOLI”

CRISTINA GIUDICI – E lei quando ha capito di essere italiana? «Durante un provino a Londra. È stato un episodio buffo, ma significativo. Parlavo in inglese con accento italiano e durante il casting mi è stata chiesta la mia nazionalità. Risposi: “Sono etiope”. Mi guardarono in modo strano e poi, quando aggiunsi che vivevo in Italia, una signora esclamò: “Ecco perché ha questo accento, lei è italiana”. Rimasi frastornata per 24 ore, prima di capire che era vero».

Leggi Tutto